Incontro Casa delle Donne

Vi segnialiamo un interessante incontro dedicato a mamme papà e bimbi 0-12 mesi:

VOCI FAMILIARI

Un progetto di musica e canti dal mondo per mamme e 

bimbi da 0 a 12 mesi. 

A cura di Donatella Livigni, insegnante di musica per la 

prima infanzia, musicista.

“Lo spazio che il canto crea, il linguaggio non verbale, le 

voci parlate, sussurrate, giocate, cantate, ritmate, è il 

luogo protetto dove si può ritrovare concentrata 

l’attenzione per piccoli gesti. Cantare può tornare ad 

essere un gesto quotidiano e familiare?

Ven 30 maggio ore 17-18 presso la Casa delle Donne

Via Aminale 22 Terni

 

Incontro aperto

consultate il calendario delle attività sul sito

http://ternidonne.blogspot.it/

Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter

APPELLO PER MARIA GRAZIA BIAGINI

Ci uniamo alla diffusione delle informazioni sulla vicenda di M.G. Biagini, che sosteniamo, ringraziandola per il suo operato.

Maria Grazia Biagini, ostetrica libera professionista, è stata sospesa per sei mesi dall’attività professionale, dal Collegio interprovinciale di Pisa Massa Carrara Livorno, suo collegio di appartenenza. La Commissione Centrale per gli Esercenti la professione sanitaria, avendo rigettato il suo ricorso, ha reso esecutiva la sanzione dal 28 aprile 2014.

L’accusa è quella di aver violato il codice deontologico delle ostetriche, avendo contribuito alla formazione di figure di sostegno al percorso nascita quali le doule (definite in quella sede come “persone che possono creare danno alla salute della donna e del bambino”). Ne approfittiamo per segnalare che il codice deontologico delle ostetriche italiane prevede, tra le altre cose, che l’ostetrica contribuisca alla formazione di personale di supporto (art. 2.4). La sentenza oltre a essere gravissima in sé e per l’ostetrica interessata, getta un’ombra sulla figura della doula (citata e riconosciuta come figura di sostegno alla donna nella Guida alla maternità sicura dell’OMS – edizione 2006; par. 2.5 – e citata nelle Linee guida al taglio cesareo dello stesso Ministero della Salute italiano solo pochi anni fa – edizione del 2012; pp. 80-81-82) e crea un precedente su cui è bene che medici, ostetriche, doule e genitori pongano la massima attenzione. Vogliamo che questa vicenda sia portata a conoscenza di tutti gli operatori della nascita attivi in Europa e nel resto del mondo.

Io sto con Maria Grazia

23 maggio 2014

iostoconmariagrazia@gmail.com

 

Madrisane, Terrafelice per Ibu Robin, 4

ostetrica che offre volentieri i suoi insegnamenti e collabora con le doule, lo considera un provvedimento molto grave, in quanto non viene contestata alcuna negligenza nell’attività di ostetrica, ma si rivendica un’‘esclusività’.

Segue lettera inviata da Ibu Robin:

Questa è una notizia triste. Una decisone fascista che non dovrebbe nemmeno toccare lo spazio sacro del parto ! E mi fa piangere.

Sono ostetrica da tanto tempo e sono diventata doula , perché il ruolo della Doula è tanto importante.

 Cara Maria Grazia ,

                              ricevo la triste notizia che sei stato perseguitato come ostetrica, per il tuo sostegno alle doule. E’ sconvolgente, terribile e ingiusto e sono dispiaciuta e preoccupata per te e la tua famiglia (Maria Grazia vive con i figli del proprio lavoro, ndr).

Il tuo sostegno alle Doule, Custodi della Nascita, è importante, tu e io ne conosciamo tutte le ragioni. Come ostetrica so che la Doula rende più facile il mio lavoro, mi aiuta a migliorare l’attenzione alla salute di MadreBambino (uso questo termine per enfatizzare il fatto che la diade mammabambino non va mai separata). Quando è presente una Doula il processo del parto è molto più fluido, con enorme vantaggio per tutti: madrebambino, famiglia, ostetriche, medici e infermieri.  

Compatisco autorità sanitarie che hanno vedute così limitate da non capire la necessità di avere le doule. Noi ‘custodi della nascita’, indipendentemente dal nostro ruolo (doula, ostetrica, nonna, sorella, madre, infermiera, medico, consulente per l’allattamento, educatore, vicina di casa che porta il cibo dopo la nascita …) dobbiamo rispettarci l’un l’altra in pace. Viviamo un momento critico di cambiamento, siamo nel bel mezzo di una rivoluzione/evoluzione del parto e tutte le questioni connesse a questi temi scateneranno un putiferio. In altre parti del mondo ostetriche sono state arrestate e a te sospendono la vita professionale per sei mesi!

I fascisti che pretendono che le donne partoriscano in isolamento e sofferenza stanno perdendo il loro potere e per questo si scatenano con violenza, punendo donne valide come te. Sono le stesse idee di chi bruciava le donne come streghe. La storia della dominazione sulle donne è brutta e violenta. Quando illuminiamo un problema, chi beneficia di un regime di ignoranza ha paura e quando hanno paura, attaccano. E quando c’è una guerra, ci sono vittime. Tu sei la vittima ora, e insieme a te i tuoi figli.

Tutte le madri soffrono quando una soffre, così noi tutte dobbiamo gridare contro questa ingiustizia. Ogni volta che un pezzo di umanità è distrutta, tutte noi perdiamo alcune delle nostre bontà.

Sto concentrando la mia intenzione, sto dicendo le mie preghiere, si potrebbe dire, perché il tuo lavoro prezioso ti sia presto riconsegnato. Perché ti sia riconsegnata la libertà di esprimere e insegnare la tua filosofia delicata per chiunque voglia imparare, comprese le Doule. E’ una questione di diritti umani, e ancora una volta sono le donne, i bambini, mammabambino, le doule, le nonne, le infermiere, le consulenti per l’allattamento, le ostetriche, … ad essere sotto attacco.

Le Doule sono una benedizione, grazie per avercelo ricordato.

Amore, mOM Shanti , Pace,

Ibu Robin

 

Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter